Categorie
Psicologia

Imprenditori di sé stessi

Ogni periodo storico ha il suo personaggio di riferimento, una figura del mondo dello sport, politico o imprenditori dal quale tutti vorremmo prenderne esempio, anche negli aspetti più intimi e personali.

C’è chi vorrebbe essere un imprenditore visionario come Steve Jobs, una fashion blogger di successo come Chiara Ferragni, un cantante famoso come Justin Bieber o un calciatore importante come Messi o Cristiano Ronaldo.

Io però noto una cosa.

Tutti vorrebbero essere come gli altri, ma nessuno vorrebbe essere come se stesso.

Categorie
Imprenditori

Imparare un mestiere redditizio con meno di 1.000€

La formazione sta diventando sempre di più un fattore assolutamente fondamentale, soprattutto per quanto riguarda la concorrenza sul mercato del lavoro. I miei genitori, ad esempio, si sentono arrivati perché alla loro età finire le scuole superiori era considerato già un qualcosa di super. Il mestiere dello studente, quindi, era quasi snobbato.

Oggi, se non ti laurei, sei quasi considerato “inferiore“. Pur di avere l’agognato “pezzo di carta” che certifichi delle competenze teoriche si è disposti a tutto, anche a frequentare corsi di laurea molto particolari.

Pensi anche tu che questa sia la strada più giusta da percorrere?

Mettiamola così: qual’è la prima cosa che ti domanda un datore di lavoro al colloquio?

Le esperienze.

Categorie
Etica

Scienze delle merendine: orgoglio e pregiudizio

Lavorerà al massimo come commessa al McDonald’s

Eh facile laurearsi in scienze delle merendine

Ma che serve fare una laurea del genere?

Sono solo alcune delle frasi che ho sentito dire dagli studenti delle più disparate facoltà universitarie italiane nei confronti di ogni corso di studio diverso dal loro.

Una casta, quella universitaria, che mette ogni anno a confronto ragazzi molto simili tra loro, ma marchiati in modo indelebile dal percorso di studio scelto senza poter tornare indietro o far cambiare idea ai propri amici o compagni.

Alla fine c’è comunque poco da dire: sono sempre i numeri alla fine che parlano.