Categorie
Psicologia

Microtransazioni e la Legge dei Grandi Numeri

Le microtransazioni sono a tutti gli effetti uno dei mali apparentemente incurabili sorti con la diffusione dell’e-commerce e del consumismo di massa.

Se da un lato la possibilità di accedere a prezzi più convenienti e transazioni più immediate, infatti, si è andata a perdere man mano la percezione di quanto stiamo spendendo.

Tempo fa, infatti, domandai ad una persona “ma non è meglio pagare con le carte rispetto a portarsi dietro il contante?“.

Mi rispose “sì, ma con il denaro contante percepisci quanto hai, quanto spendi e quanto ti rimane. Con le carte invece no.

Mai risposta fu più azzeccata.

Categorie
Psicologia

Curiosity Gap. Il caso The Blair Witch Project

Il Curiosity Gap è un bias cognitivo che colpisce qualsiasi amante di serie tv, film con sequel annunciati e produzioni simili.

Il suo funzionamento è molto semplice: farti entrare nella testa la domanda “e ora?“, facendoti crescere la curiosità su come potrebbe terminare una sequenza iniziata alla fine di un episodio.

Non ti è nuova questa cosa, eh? 😉

Categorie
Psicologia

L’importanza dei colori nel marketing moderno

Colori e marketing sono due realtà che sembrano apparentemente indipendenti, ma che in realtà condividono un significato profondo e razionale.

Se dovessimo descrivere il modo di comunicare delle aziende al giorno d’oggi non avrei alcun dubbio su quale scegliere: minimale.

Non storcere il naso, perché le cose stanno così. Punto.

L’obiettivo del marketing di oggi non è più quello di farsi conoscere in via del tutto generale, ma piuttosto di cercare e colpire il target giusto. Un target che ha degli interessi, alcune caratteristiche univoche e che recepiscono i messaggi in modo diverso l’un l’altro.

Ecco perché è importante minimizzare i messaggi: per ottimizzarne il significato.

Ed i colori sono parte di esso.

Categorie
Psicologia

Buona impressione… O buona la prima?

“Molta gente non riesce a fare una buona impressione perché non ascolta con attenzione”

I. F. Marcosson

Ancora con la buona impressione, la fatidica buona impressione tanto ricercata da venditori, agenti, commerciali e da chiunque sia ad un colloquio di lavoro o ad un incontro importante? Assolutamente sì! E non solo a questa! Con buona impressione mi riferisco anche a quella che insegui tu ogni volta che incontri un amico, un conoscente, un tuo dirigente o qualcuno che per te ha una certa importanza.

Sara, perché sei così sicura che anche io la ricerco? In un incontro informale tra amici non sto lì a guardare se la prima impressione è buona o no!

Categorie
Psicologia

Il problema del sovraffollamento informativo

Il problema del sovraffollamento informativo è una diretta conseguenza dell’abuso di messaggi, contenuti e dati che il nostro cervello riceve in continuazione giorno per giorno.

Spesso derivante dalla pubblicità invasiva e virale, si tratta di un vero e proprio paradosso per il fatto che molti dati trasmessi non vengono acquisiti da chi sta ascoltando.

Tradotto: se la tua vicina logorroica ti parla per due ore, ascolti i primi due minuti e il resto lo dimentichi dopo mezz’ora.

Categorie
Psicologia

Gli 8 step per un’automotivazione da paura!

“L’automotivazione è fondamentale per raggiungere il successo!”
Quante volte hai sentito questa affermazione? E dopo averla ascoltata tutte le volte ti è capitato di pensare “ecco, sempre la stessa frase che significa tutto e niente!”?

Tranquillo, è del tutto normale! Infatti questa affermazione possiamo definirla generalista e nonostante possa sembrare un ”segreto” adatto solamente a pochi è in realtà un grattacapo che non rivela assolutamente niente se non risolto, o meglio, se non viene approfondito almeno il concetto di “automotivazione”:

Essa è l’espressione dei motivi che inducono un individuo a compiere o tendere verso una determinata azione. Da un punto di vista psicologico può essere definita come l’insieme dei fattori dinamici aventi una data origine che spingono il comportamento di un individuo verso una data meta

WIkipedia

Se poi aggiungiamo “auto” davanti alla parola si comprende subito che essa è indirizzata verso se stessi e quindi spinge l’individuo a raggiungere obiettivi personali ed autodefiniti.