Categorie
Digital

Impostare post Facebook. Ecco come farlo alla perfezione

Continui a pubblicare contenuti su Facebook ma non ottieni i risultati sperati? Ecco come impostare alla perfezione un post su Facebook!

Saper impostare un post Facebook, ma così anche per qualsiasi altro Social Network, non è soltanto una questione puramente “accademica“. Ovviamente questo se lo fai in un’ottica di engagement, mentre se ti diletti a scrivere poesie o riflessioni personali allora forse non stiamo parlando della stessa cosa…

Abbiamo già parlato in precedenza dell’importanza per qualsiasi attività di avere un profilo Social (ne non hai letto l’articolo questo è il link). Abbiamo anche visto come pubblicare gratuitamente post programmati su qualsiasi Social Network (ecco il link relativo).

Quindi abbiamo il perchè ed abbiamo il come.

Manca il cosa.

Dobbiamo quindi cercare di capire come s’imposta un buon contenuto in modo da ottenere i migliori risultati possibili.

Quali risultati? Questo dipende da te. Possono essere economici, di engagement, interazioni, passaparola, viralizzazione…

Vuoi scoprire di più sulla struttura di un post?

Cominciamo!


Alcuni termini da conoscere

Per parlare di come impostare alla perfezione un post su Facebook dobbiamo innanzi tutto saper parlare la lingua di Facebook. Non tanto in termini di codici di programmazione, quanto piuttosto di parole o frasi che ci saranno sempre molto utili.

Iniziamo da una cosa davvero molto semplice: cos’è un post?

Un post o pubblicazione è un messaggio testuale, con funzione di opinione o commento o intervento, inviato in uno spazio comune sul Web per essere pubblicato.

Wikipedia

In sostanza appena crei qualcosa e clicchi sul pulsante “Pubblica” hai dato origine ad un post. Non importa se sia un testo, un video o qualsiasi altro tipo di media: sempre di post si tratta.

Per misurare l’efficacia di un post cosa dobbiamo poi valutare? La conversione, ovvio!

La conversione, in termini pubblicitari identifica il momento in cui un soggetto compie una determinata azione o raggiunge un determinato step di un processo di vendita.

Ad esempio se il tuo post è indirizzato a vendere un prodotto, la conversione si genererà nel momento in cui un utente acquisterà il prodotto stesso. Se invece vuoi far scaricare un documento, ecco che la conversione diventa il momento in cui si clicca il pulsante “Download”.

Altri termini importanti da conoscere sono i seguenti:

  • CTA (Call To Action). E’ testualmente una richiesta di azione, generalmente contenente un link che rende quindi l’action misurabile;
  • Copy. Derivante da copywriting, identifica il testo con il quale andiamo a comporre il testo o le parole del video/audio contenuti nel post;

Dati per assodati questi termini basilari, procediamo ora con il modo di scrivere.


Copy lungo o copy corto?

Abbiamo già parlato del copywriting in altri articoli ma, essendo Facebook un caso specifico, è interessante capire quale sia il copy più adatto per questa piattaforma.

Quindi vediamo una cosa per volta.

Quale formato dobbiamo scegliere? Meglio immagini, testi o video?

Non c’è a dubbio che, ad oggi, il formato che va per la maggiore siano i video. Sia per la tipologia di media animato, sia per la parola ascoltata più che letta, siano le mode del momento…

Utilizzare il formato video è sicuramente un ottimo punto di partenza.

Facebook ha già annunciato di voler mutare nei prossimi anni passando sempre più fortemente ad un contenuto prevalentemente composto da video.

Le persone passano il tempo sui Social Network per svagarsi, non per leggere papiri di testo. Le parole vengono utilizzate principalmente nei confronti di utenti ben specifici, come ad esempio guide o ricette.

Ma c’è anche una questione legata al modo di comunicare…

Meglio un contenuto breve o uno corto?

Youtube, ad esempio predilige fortemente contenuti lunghi e video di durata superiore anche a 10 minuti. Facebook, invece, consiglia video molto brevi, addirittura inferiori al minuto.

Numeri alla mano, certi video su Facebook perdono oltre il 60% dei propri visualizzatori dopo 10-15 secondi di video.

Trova te il giusto equilibrio, ma occhio a non essere troppo radicale.

Meglio dare del tuo o del voi?

I Social Network sono delle piattaforme altamente informali. Ti consiglio sempre di utilizzare il più possibile il tu, riferendoti all’utente specifico. E’ questa la magia del parlare davanti ad uno schermo riuscendo a creare un rapporto strettamente personale con la persona che sta dall’altra parte!

Fatte queste piccole premesse vediamo come strutturare un post sui Social Network 😉


Come impostare un post su Facebook alla perfezione

Ogni secondo vengono pubblicati su Facebook milioni di post, ognuno con un suo formato e un pubblico di riferimento diverso.

Ora rispondi ad una semplice domanda.

Perché un utente dovrebbe fermarsi sul tuo post? Perché proprio il tuo e non quello di qualsiasi altra persona, azienda o chi che sia?

Tendenzialmente la regola è sempre la stessa: ci fermiamo solo quando qualcosa attira la nostra attenzione e il nostro interesse.

Quindi ecco la risposta alla domanda qui sopra:

Un utente si ferma sul tuo posto perché hai catturato la sua attenzione o il suo interesse.

Tutto molto bello, non c’è alcun dubbio. Ma…

Come faccio a catturare l’attenzione o l’interesse di un utente?

Questa domanda, ovviamente, richiede un’analisi più approfondita perché i gusti e i desideri di un utente cambiano di persona in persona. Di conseguenza sta a chi crea e pubblica i contenuti sui vari Social Network capire cosa interessa davvero al suo target di riferimento.

La soluzione comunque è sempre la stessa: bisogna saper creare un post ad hoc per un determinato tipo di utente, ovvero quello a cui ci vogliamo rivolgere.

Sappi che sto parlando di struttura, testo, colori, parole… Tutto quello che l’occhio scorge quando qualcuno vede il tuo post.

Sai a cosa sono interessate maggiormente le persone? A soluzioni semplici per i propri problemi.

Ecco perché “mangia tanto per dimagrire di più” è tanto in voga sulla rete: chi non vorrebbe dimagrire senza rinunciare a 5 pizze alla settimana?

Detto ciò vediamo un possibile schema generale sul quale strutturare qualsiasi post sui vari Social Network.


Impostare post Facebook. Uno schema grafico

Un post Facebook dovrebbe avere – sempre – alcuni elementi:

  • Domanda. “Non vorresti perdere tre chili in una settimana?“. Questa prima parte è importantissima perché serve propio da esca, andando a colpire esattamente il pubblico di riferimento. Con questo esempio noi stiamo andando a cercare persone che vogliono dimagrire, che non sono in pace con il proprio corpo o che vogliono mettersi in linea;
  • Offerta. Cosa proponi te per risolvere il problema? Rispondendo a questa domanda l’utente capirà che tu non hai la soluzione: tu SEI la soluzione.
  • CTA (Call To Action). Fa in modo che l’utente possa compiere un’azione diretta e misurabile, come ad esempio la visita ad un sito Web o il link ad un tuo articolo. Solo in questo modo potrai capire quando efficace è il tuo post, non serve a niente guardare solo al numero di impressioni;
  • Urgency. Alla gente piace pensare, riflettere, ritardare… E quando si ritarda spesso ci si dimentica di fare quella cosa. L’urgency serve a mettere fretta all’utente, tramite frasi come “la cosa non durerà molto“, “ci sono pochi pezzi in offerta“, “se metti like ora vinci un premio“;
  • Social Proof. Sai cosa invece manca tanto in rete? La fiducia. Causa fake news, aziende disoneste e clienti incazzati spesso ci si tira un po’ indietro dalle cose che luccicano troppo. Ecco che social proof come recensioni, immagini e altre forme rassicurative sono utili come l’aria in questo senso.

Ma servono davvero tutti questi elementi?

No, ovviamente.

Sta a te capire cosa serve sulla base di ciò che vuoi pubblicare e come vuoi comunicarlo.

Ecco una rappresentazione grafica dei punti visti qui sopra:

Struttura Facebook Ads
Rappresentazione grafica di un post Facebook

Ma dove posso utilizzare questo tipo di post?

Puoi utilizzarlo sia come elemento da pubblicare tutti i giorni sia come template per una campagna pubblicitaria. Gli elementi fondamentali di una Facebook Ad ci sono tutti: un testo, un link misurabile e la grafica apposita.

Ti consiglio di tenere comunque sempre a mente l’utilizzo di una CTA, in modo da far compiere ad un utente una determinata azione se a questo piace ciò che hai pubblicato.

Ma vediamo ora qualche esempio 😉


Impostare post Facebook. Alcuni esempi

Un primo esempio riguarda un corso per diventare massaggiatori professionisti.

Nota prima di tutto una domanda che va subito a colpire l’utente target seguito dalla proposta ufficiale. In questo caso la Social Proof riguarda il fatto che il 70% degli allievi trova subito lavoro, non è proprio quello che abbiamo visto in precedenza.

E la CTA?

Ce ne sono due: il link alla pagina (in azzurro) e l’invito a cliccare sull’immagine.

impostare post facebook esempio 1

Il secondo esempio è un po’ più semplice e schematico: subito una domanda in maiuscolo (io ti consiglio di evitare questo formato), seguito da una proposta dove si evidenzia il termine “gratuita“.

Segue poi una CTA che riporta alla piattaforma Messenger (identificabile dal link m.me/) e un’urgency più diretta, ovvero “Ultimi posti disponibili“.

impostare post facebook esempio 2

Ultimo esempio – perché penso tu abbia capito lo schema – riguarda un corso per il teatro.

Nota quante proposte ci sono: attore, recita, doppiaggio, musica… Si vanno a colpire più target con un solo post. Il mio consiglio è di non esagerare e piuttosto di creare post per ogni figura.

Ad ogni modo l’urgency questa volta riguarda un beneficio, ovvero “se ti iscrivi entro il 20 settembre avrai uno sconto speciale“. Infine la CTA è molto chiara, semplice e diretta.

impostare post facebook esempio 3

Chiaro lo schema?

Ora puoi provare anche te a creare un tuo post efficace, misurare il suo andamento e migliorare il tuo engagement 😉

Di Davide

Patito di trattori e chitarre scrivo sul mio blog da quando mi sono laureato in Economia presso l'Università degli Studi di Verona. Tratto strategie di marketing, accrescimento personale e professionale per raggiungere gli obiettivi.