Categorie
Digital

L’importanza del sito web per un’attività locale

Perché si pensa che un sito web per un’attività locale non serva? Quali benefici si possono ottenere? Ecco come creare un sito economco ma efficace!

Quando si parla di “sito web per attività locale” si ottiene sempre la stessa identica domanda:

“Ma a cosa vuoi che mi serva un sito web?”

La domanda che oggi fa rizzare i capelli a qualsiasi persona capisca almeno un briciolo di marketing.

In Italia possiedono un sito Web circa 7 aziende su 10.

Dovrebbe essere un numero incoraggiante, se non fosse per il fatto che viviamo in un’epoca dove essere online è un must.

Meno del 15% di queste aziende permette di fare ordini online e solo poco più del 5% permette di tracciare l’ordine tramite tracking.

Che fare e-commerce diretto non sia conveniente ne ho parlato in questo articolo, ma rimane il fatto che i numeri sono molto bassi.

La questione non è che se non hai un sito web non puoi sopravvivere.

Semplicemente se non hai una presenza online accessibile perdi un sacco di opportunità, a prescindere dal settore di appartenenza.


La rivoluzione digitale

Fino al 2010 il web era semplicemente una grande enciclopedia. La si poteva sfogliare per ottenere delle informazioni, niente di più.

Nel 2012 ci fu un boom del numero di siti web online, che passarono in meno di due anni da 350mila ad oltre 700mila.

Ma a cosa mi servono ‘sti numeri, Davide?

Ti servono a capire con quale velocità si evolve il web nella sua complessità.

Per quasi venti anni Internet ha ospitato un numero di siti che poi è raddoppiato in meno di ventiquattro mesi.

Pazzesco.

E questa cosa dovrebbe toccare tutti noi. Soprattutto chi vende, online ed offline.

Se ieri il tuo competitor si trovava a 100km dalla tua azienda, oggi hai un’accozzaglia di stranieri (specialmente cinesi) sotto casa che ti portano via clienti da sotto il naso.

Ma come diamine fa un cinese ad essere competitivo qui in Italia?

La questione è semplice. Sono pochi – ma fondamentali – pilastri:

  • Prezzi bassi rispetto ai produttori simili;
  • Spedizioni internazionali accessibili a tutti;
  • Incapacità italiana nel riadattarsi al nuovo concorrente.

La stessa cosa vale per un sito web.

Non puoi pensare che un vicino di casa venga a comprare da te solo perché gli abiti di fianco. Se una cosa conviene online lui andrà lì.

Allo stesso modo puoi sempre sognare che un americano decida di comprare da te anche se ha un’attività locale simile sotto casa. La logica è esattamente la stessa.

Questo però solamente se hai un sito Web per attività locale.

Questo perché potenzialmente con un sito web la tua attività locale potrebbe allargarsi a nuovi scenari di mercato.

Perché se fai le cose fatte come si deve non dovresti sognare in grande?

Quindi se hai un sito web per un’attività locale puoi sognare. Se non ce l’hai ci possono essere dei problemi.


Darwin e il Web

Nessuno meglio di Darwin può descrivere la situazione digitale attuale:

Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti.

Charles Robert Darwin

Sai cosa risponderei sempre a chi mi domandasse a cosa serve un sito web?

A comunicare.

E a cosa servirai mai quindi un sito web per attività locale?

A comunicare con gli abitanti locali.

Facciamo un esempio.

C’è un negozio di parrucchiere che lavora a prezzi molto convenienti e ad orari accessibili a chiunque. Ha una buona posizione in centro al paese e offre ottimi servizi al suo cliente. Questo negozio, però, non ha né sito web né profili Social.

C’è un altro negozio molto simile che però ha un sito web per attività locale. Questo però usa i Social per fare promozioni e sul sito internet pubblica le foto delle sue creazioni, posizionandolo molto bene nei motori di ricerca che lo trovano sempre per primo.

Io sono un cliente ignorante e non conosco i negozi di parrucchieri. Vado su internet e cerco “parrucchiere del mio paese“.

Quale pensi vinca? E perché proprio il secondo?

Perché lui si è adattato, ha creato la sua presenza online e con una semplice pagina web può accaparrarsi potenzialmente moltissimi clienti.


Sito Web per attività locale economico

Una volta seguite le best practice per l’avvio di un’attività locale è tempo di passare dall’offline all’online.

Cose fatte per bene ed economicità non sono termini che vanno molto d’accordo. Si sa, infatti, che per ottenere un buon risultato bisogna investire il giusto, non troppo ma sicuramente nemmeno troppo poco.

Questo però non vuole dire che bisogna spendere un capitale per un sito web. So benissimo che per un piccolo negozio di città non è economicamente conveniente un portale estremamente costoso.

Vediamo quindi qualche consiglio su come creare un sito economico per un’attività locale.

Dominio + Hosting

Il dominio è l’indirizzo univoco del sito (www.sito.com) mentre l’hosting è la memoria in cui verranno depositate tutte le pagine web.

Per quanto riguarda il dominio la scelta dovrebbe sempre ricadere su qualcosa che lega direttamente indirizzo e contenuto del sito. Ad esempio se ti chiamassi Mario Rossi e facessi l’imbianchino a Roma i domini potrebbero essere “mariorossiimbianchino“, “rossiimbianchinoroma“, “imabianchinoroma” e via dicendo.

L’hosting deve invece essere capiente e veloce. La capienza incide sul numero di pagine e media memorizzabili mentre la velocità è fondamentale per il ranking del sito: più veloce è e più appetibile è per utenti e motore di ricerca.

Secondo alcune statistiche hai a disposizione 2 secondi per caricare una pagina Web prima che un utente si stufi e rinunci ad accedere al tuo sito.

Due secondi.

Hai quindi due soluzioni sostanziali tra le quali scegliere.

  • Risparmiare il più possibile per avere un sito senza preoccuparsi delle prestazioni. In questo caso ti consiglio Aruba che ti offre dominio, hosting (anche con WordPress) e certificato SSL a meno di 30€ l’anno;
  • Acquistare un servizio con ottime prestazioni. In questo caso ti consiglio Siteground che offre soluzioni ad altissima efficienza (dominio + hosting) a canoni mensili davvero contenti.

Scegli saggiamente la soluzione per il sito web della tua attività locale 😉

Web Hosting

Editor

Fammi indovinare: non vuoi spendere milioni per un sito web graficamente accattivante ma non hai la minima idea di come costruirlo da solo.

Posso immaginare che Adobe Dreamviewer non sia l’applicativo adatto per un neofita del web design. Rimane però il fatto che produce risultati ottimi sia a livello grafico che prestazionale.

Per tua fortuna esistono delle soluzioni molto interessanti ed accessibili anche per chi ha meno dimestichezza nel settore.

Avrai semplicemente bisogno di:

Per vestire graficamente il sito web della tua attività locale puoi utilizzare i temi di wordpress. Ne puoi trovare di gratuiti direttamente dalla directory di WordPress ed altri a pagamento (i migliori li trovi su Themeforest e StudioPress).

Che differenza c’è?

I temi a pagamento sono di solito più leggeri e prestazionali (ricorda i due secondi citati in precedenza), con più funzionalità e spesso includono l’assistenza da parte degli sviluppatori.

Spendere 100€ per un tema premium è un investimento più che remunerativo rispetto al ritorno sulle vendite…

Se invece vuoi modificare il sito per personalizzarlo al massimo puoi utilizzare i plugin. In questo caso ti consiglio Elementor, un plugin molto valido che permette di creare pagine Web molto accattivanti.

Ecco un semplice video dimostrativo:

CONSIGLIO

Elementor è molto utile per creare landing pages da utilizzare nelle tue campagne web e social per incrementare le vendite.

SEO (Search Engine Optimization)

La frase “ottimizzazione per i motori di ricerca” racchiude nelle singole parole una serie di concetti difficilmente riassumibili in pochi termini.

In sostanza consiste nell’essere trovati per primi con la ricerca di una determinata parola chiave.

Ad esempio se sei un imbianchino hai una buona SEO se cercando “imbianchino” su Google il tuo sito appare sempre come primo risultato di ricerca?

Semplice, no?

No. Per niente.

Hai la minima idea di quanti imbianchini ci siano al mondo? Quanti siti ci siano in giro? Quanti soldi girano per il posizionamento a pagamento?

Se non ottimizzi il tuo sito non ti troverà mai nessuno. 

In definitiva se non fai un minimo di SEO il popolo del Web non saprà nemmeno che esisti. E dato che ormai la popolazione del Web equivale a buona parte della popolazione mondiale, beh…

Hai capito dove voglio arrivare 😉

Se non vuoi rivolgerti ad un esperto di SEO almeno cerca di fare un minimo di lavoro fatto bene. Puoi utilizzare ad esempio il plugin Yoast SEO per migliorare l’aspetto delle tue pagine per i motori di ricerca.

Una volta fatto il primo passo puoi analizzare le prestazioni del tuo sito con tool come Page Speed Insight di Google o Seotesteronline. In questo modo puoi capire se il sito web per  la tua attività locale è ben visto (o meno) dai motori di ricerca 😉


Conviene davvero risparmiare?

Molto probabilmente starai pensando “sì ma Davide è già tanto che mi faccio un sito Web, figuriamoci spenderci dietro un capitale“.

Puoi avere davvero ragione. Quindi la tua scelta sarà (quasi) sicuramente la seguente:

  • Hosting Aruba per spendere il meno possibile;
  • Tema gratuito per non aprire il portafogli;
  • Qualche plugin trovato su Google per ottimizzare il sito.

Voglio però farti delle precisazioni perché il tuo sito per attività locali non sia un completo fallimento:

  • Se è vero che con Aruba puoi avere un sito a basso costo per il primo anno, dal secondo in poi i prezzi salgono di molto. Alla fine non sarà così differente scegliere tra Siteground ed Aruba, almeno in termini economici;
  • Sul tema non posso darti torto, ma questo perché hai una potente risorsa a disposizione. Impara ad utilizzare Elementor e sarai in grado di trasformare una pagina bianca in un autentico capolavoro;
  • Un sito web, soprattutto per un’attività locale, ha bisogno di essere ottimizzato come l’uomo ha bisogno del pane. Essere trovati per primi non è importante: è l’unica cosa che conta! A volte non basta un semplice plugin.

Quindi ricorda sempre che un sito web per un’attività locale è un vero e proprio investimento: si spendono soldi per raggiungere più persone e generare nuovi potenziali clienti.

Ho scritto un intero articolo su come fare lead generation offline, se ti può interessare 😉

Quindi ricorda: va bene risparmiare, ma se i risultati sono direttamente proporzionali ai mezzi allora sappi che spendendo poco otterrai poco. Ciò non significa che spendendo tanto otterrai automaticamente tanto, ma sicuramente i risultati arriveranno più facilmente 😉

Di Davide

Patito di trattori e chitarre scrivo sul mio blog da quando mi sono laureato in Economia presso l'Università degli Studi di Verona. Tratto strategie di marketing, accrescimento personale e professionale per raggiungere gli obiettivi.