Categorie
Digital

Google My Business per un’attività locale. Ecco la guida

Google My Business è uno strumento tanto fondamentale quanto snobbato dai piccoli negozi di città. Ecco come sfruttarlo al meglio!

Saper usare Google My Business per una piccola attività locale significa solo una cosa: esistere.

Viviamo in un presente digitale in cui tutte le informazioni si reperiscono online, tramite i Social Network o i vari siti internet.

Nel caso di piccoli negozietti, micro-aziende e boutique varie c’è però una piattaforma più importante delle altre: Google Maps.

Ma cosa significa essere su Google Maps?

Significa avere un posto nel mondo, orari accessibili a tutti, indicazioni stradali e contatti a portata di click.

Però dire “avere un posto nel mondo” è già più che sufficiente.

In questo articolo ti voglio spiegare perché saper sfruttare Google My Business è importante per qualsiasi negozio o attività locale e quali vantaggi può portare rispetto a chi non lo utilizza.


Cos’è Google My Business

Google My Business è una piattaforma user-friendly con la quale è possibile gestire la propria attività su Google Maps.

google my business

Questo significa che, a partire dalla semplice creazione dell’icona di posizione, si è in grado di modificare dati per renderli pubblici agli utenti come ad esempio:

  • Orari di apertura
  • Sito internet
  • Fotografie
  • Numeri di telefono

E molto altro ancora.

La piattaforma è gratuita e disponibile a chiunque abbia un account Gmail oppure fornito da un altro provider ma comunque collegato a Google.

La piattaforma è gratuita e disponibile a chiunque abbia un account Gmail oppure fornito da un altro provider ma comunque collegato a Google

Una funzionalità molto interessante di questa piattaforma è anche il fatto che si possono gestire più sedi. In questo modo, integrandole in un’unico account, è possibile gestire da remoto dati come orari diversi, turni di chiusura e cataloghi personalizzati.

Non meno importante, tramite My Business è possibile ricevere ed inviare messaggi con altri utenti che possono fare delle domande in merito alla tua attività.

Immagina di vendere smartphone e un utente vuole sapere se hai iPhone. Prima di fare un viaggio invano, per lui è molto utile sapere se troverà quello che cerca, non credi?

Se oltretutto non hai dimestichezza con i siti online ed i vari CMS, puoi creare un sito internet collegato direttamente al tuo account dove i tuoi utenti potranno trovare tutte le informazioni di cui avranno bisogno in un’unica pagina.

Più avanti, comunque, troverai una guida completa con tutti gli strumenti che puoi trovare.

Ora però voglio rispondere ad una domanda.

Perché è così importante essere online?


Google My Business e l’importanza di essere online

Non parlerò tanto di numeri perché quelli li puoi trovare ovunque online, senza tener conto che la diffusione dell’online tra aziende di tutti i tipi in Italia è in continua evoluzione.

Io mi baserò su tre dettagli molto importanti:

  • Non tutte le aziende hanno un sito internet;
  • Molte di esse, anche se ce l’hanno, non lo aggiornano;
  • Pochissime aziende vendono online.

Con questo cosa voglio dire?

Voglio dire che gli italiani, in generale, non prendono molto in considerazione l’online.

Ti faccio un esempio.

  1. Cerca un qualsiasi negozio su Google Maps;
  2. Controlla se nella sua scheda c’è scritto “Sei il proprietario di questa attività?

Ogni volta che troverai questa scritta significa che il luogo è stato creato da qualcuno che non è il proprietario del negozio e che tutte le informazioni sono raccolte qua e la da chi le suggerisce. In sostanza, possono non essere corrette.

Per non parlare dei siti web aggiornati a 20 anni fa, con listini prodotti ancora in lire (sì, si vedono anche queste cose).

Domanda classica da imprenditore: ma perché dovrebbe importarmi così tanto l’online?

Ecco la mia risposta:

Perché quando non c’era internet il tuo concorrente era il capannone due vie più avanti. Mentre ora, con la globalizzazione, hai a che fare con aziende di tutto il mondo.

Troppo estremista?

Ok. Hai un bar in centro a Roma. Un utente cerca su Maps “Bar in centro a Roma” e tu non hai il tuo luogo segnato. Pensi che non ce ne siano altri sui quali ricadrà l’attenzione del tuo possibile cliente.

Triggered.


La guida DEFINITIVA a Google My Business

Partiamo con le cose semplici: se hai un’attività, specialmente una piccola realtà locale, se non crei una posizione sulle varie mappe online stai solo perdendo opportunità.

Se invece sei uno step più avanti, ovvero hai già un sito o una scheda Google, se non li tieni aggiornati non solo perdi opportunità ma puoi generare perdite o danni.

Immagina, ad esempio, se inserisci l’indirizzo sbagliato della tua azienda, prezzi diversi da quelli di listino o orari che non combaciano a quelli reali.

Succedono ‘ste cose, fidati.

Per questo ora voglio spiegarti per filo e per segno come si gestisce al meglio una scheda Google con My Business.


I dati aziendali

Ti prego: non sbagliare già da questo punto.

I dati aziendali sono come per te il nome ed il cognome, la tua core identity, il tuo essere.

In termini informatici parliamo della parola chiave che identifica la tua attività, ovvero ciò che la rende unica rispetto a tutte le altre. Se una persona cerca su Google “Davide Righele Store” ci dev’essere uno ed un solo “Davide Righele Store” che l’utente sta cercando.

In particolare devi prestare molta attenzione ai dettagli:

  • Nome. Cerca di specificare lo specificabile, quindi se ad esempio hai un bar che si chiama Aperitivo sarebbe meglio utilizzare come nome “Bar Aperitivo” rispetto ad “Aperitivo“;
  • Categoria. Sii il più dettagliato possibile rispetto alla categoria a cui appartieni perché Google riesce a filtrare i luoghi anche in base a questo dato;
  • Indirizzo. Per farti raggiungere al meglio dai tuoi clienti, inserisci l’indirizzo corretto in modo da posizionare al meglio il puntatore sulla mappa.

Come faccio a modificare questi dati?

In generale ti vengono richiesti al momento in cui crei la tua scheda My Business, ma in caso volessi variarli basta accedere alla dashboard ed andare nella sezione “Informazioni“.


Dati di contatto

Come pensi di farti contattare dai tuoi clienti?

Tramite My Business hai la possibilità di inserire due tipi di contatto:

  • Numero di telefono
  • Sito internet

Puoi aggiungere più di un numero di telefono ma, conoscendo la tua utenza, è meglio che ti concentri solo su quello che vuoi usare come principale perché le persone non hanno tempo di scorrere la tua rubrica.

Per quanto riguarda invece il sito internet, qui si apre un nuovo affascinante mondo che non posso trattare in poche righe. Ti lascio ad un articolo che s’intitola, non a caso, l’importanza di un sito web per un’attività locale.

Non c’è, invece, la possibilità di inserire un indirizzo mail.

Sarà per questione di privacy, per evitare spamming oppure per volontà espressa di non inserire questa funzione ma ciò che c’interessa è solo che l’unico modo per reperire una mail è accedere al nostro sito.

Anche in questo caso, questi dati sono modificabili dalla sezione “Informazioni“.


Recensioni

Ho già parlato in passato dell’importanza delle recensioni, ma nulla è più importante delle valutazioni che ricevi sulla tua scheda Google.

Perché?

Perché nel 99% dei casi è il criterio con cui una persona sceglie te o un tuo concorrente.

In genere i criteri sono due:

  1. Numero di valutazioni
  2. Giudizio complessivo

Paradossalmente, un luogo con 10 recensioni con voto medio 4,5/5 ha un valore maggiore di uno che ha 1000 recensioni con voto medio 4,4/5. Voto più basso, ma maggiori fonti.

Ma come faccio a gestire le recensioni?

  • Voto 4/5. Ringrazia l’utente per la recensione, chiedendo ambiziosamente se puoi migliorare comunque qualcosa per perfezionarti sempre di più;
  • Voto 3. Ringrazia l’utente e chiedi esplicitamente cosa non è andato bene perché tendenzialmente il 3 è un “bene ma non benissimo”;
  • Voto 1/2. Dipende dal tipo di utente:
    • Utente aperto. Scusati per il disagio arrecato e chiedi cosa dovresti migliorare. Se puoi, invitalo privatamente a tornare al tuo locale.
    • Utente chiuso. In caso di critiche e offese, spiega pubblicamente la tua posizione in modo da spiegare il tuo punto di vista ad altri utenti che vedranno la recensione.

Ad ogni modo, cerca di non lasciare nulla al caso e rispondi sempre a tutte le recensioni. In questo modo dimostrerai di essere interessato ai tuoi utenti e delle loro opinioni.


Immagini & Prodotti

Alle persone non piace leggere. Molti preferiscono invece le immagini, ovvero non tanto lasciare spazio all’immaginazione quanto dare concretezza a ciò che si ha di fronte.

Tramite My Business è possibile caricare delle foto accessibili a chiunque, tramite la nostra scheda Google, catalogabili in diverse categorie, tra le quali:

  • Esterni
  • Interni
  • Prodotti
  • Persone a lavoro / Team
  • Menu

Inoltre è possibile caricare tour a 360° per rendere ancora più interattiva la visita di un utente online. Non a caso ci sono alcuni store che hanno completamente registrato i propri negozi, facendo in modo che una persona possa “camminarci dentro” da dietro a uno schermo

Inoltre, se produci o vendi qualcosa, puoi creare dei cataloghi ed allegarci foto, titolo, prezzi e link ad una pagina web di un e-commerce, se ne hai uno.

Non c’è niente di meglio per un utente che vuole comprare da te guardare le immagini e:

  • Vedere gli esterni per riconoscere la tua azienda;
  • Fare un tour interno in 360° per ambientarsi;
  • Vedere le immagini dei prodotti per capire se hai quello che cerca.

Post e aggiornamenti

So che non è come pubblicare post e storie su Facebook o Instagram, ma è comunque importante comunicare con i mezzi necessari qualsiasi aggiornamento riguardi la tua azienda.

Tramite la funzione Post puoi creare dei messaggi che vengono poi pubblicati sulla tua scheda Google, nonché su Google Maps e nella sezione “Attività simili” di altre aziende.

Puoi scegliere di pubblicare diversi tipi di post:

  • Offerte per sconti, promozioni o lancio prodotti;
  • Aggiornamenti su orari, aperture o simili;
  • Eventi a cui vuoi aprire le iscrizioni online;
  • Prodotti e nuove linee di cataloghi.

Inoltre, in casi eccezionali come il COVID-19, hai la possibilità di creare post ad hoc per aggiornare tempestivamente riguardo comunicazioni urgenti (es. oggi l’azienda è chiusa per sanificazione).

Puoi inoltre aggiungere ai post un link che rimandi al tuo sito, in modo da poter descrivere più esaustivamente l’oggetto del post a chi è interessato.

Ad esempio un Post Prodotto che rimanda alla pagina di vendita del relativo articolo, oppure un aggiornamento che rimanda ad un articolo del tuo blog.

Tutte queste funzioni sono fruibili tramite il pannello “Post” a sinistra della dashboard.


Sito web

Ipotizzando che tu non sia in grado, o che tu non ritenga necessario, sviluppare un sito web ah hoc per la tua attività allora ti consiglio di utilizzare questo utile strumento gratuito.

In sostanza Google ti fornisce un template preimpostato, con dominio business.site, con il quale sviluppa in automatico una pagina web basandosi sulle informazioni che hai fornito sul tuo account My Business.

Tu non dovrai fare nulla, se non aggiornare il profilo My Business ogni volta che ci sono modifiche.

Sul sito web il tuo utente può trovare diversi dati:

  • Le foto della tua azienda;
  • I post pubblicati in formato articolo;
  • I dati di contatto, nonché gli orari e l’indirizzo;
  • Una mappa integrata per avviare la navigazione.

Ma perché dovrei sviluppare il sito in questo modo?

Innanzi tutto perché in 3 minuti netti hai un sito web, a differenza di doverne sviluppare uno per settimane. In secondo luogo perché è più bello agli occhi di un utente vedere un sito invece di scorrere un elenco di dati da una scheda a bordo pagina.

Capirai quindi che il sito è una sorta di raccoglitore dove vengono illustrati tutti i dati inseriti qui sopra. Se non hai un tuo dominio personalizzato, quindi, valuta attentamente riguardo il suo sviluppo.

Di Davide

Patito di trattori e chitarre scrivo sul mio blog da quando mi sono laureato in Economia presso l'Università degli Studi di Verona. Tratto strategie di marketing, accrescimento personale e professionale per raggiungere gli obiettivi.