Categorie
Digital

Facebook Shops. La mega opportunità per le attività locali

Facebook mette a tutti gli effetti in comunicazione diretta venditore e acquirente, fornendo un sistema di marketing basato sulla condivisione e sulle interazioni tra utenti.

Facebook Shops non è solo “un negozio su Facebook“.

Mi piace invece considerarlo un’opportunità, ovvero una motivazione che si aggiunge al “perché rendere social la tua attività, anche se pensi che non serva“.

Cosa c’è di meglio che vendere i propri prodotti direttamente su uno dei più trafficati Social Network al mondo?

Ho già spiegato in precedenza come l’e-commerce sia un percorso molto pericoloso da adottare, dovendosi scontrare con colossi come Amazon ed Ebay.

Non a caso, infatti, spesso si dice che l’unico modo per sconfiggere il nemico è unirsi a lui 😉

Facebook mette a tutti gli effetti in comunicazione diretta venditore e acquirente, fornendo un sistema di marketingorganico o a pagamento – basato sulla condivisione e sulle interazioni tra utenti.

Vediamo quindi cosa sono i Facebook Shops, quali caratteristiche hanno e perché sono una vera e propria opportunità per chi vende online – ma anche per chi ancora non lo fa.


Cos’è Facebook Shops

Facebook Shops è innanzi tutto un’opportunità, ma questo lo abbiamo già detto anche troppe volte.

Nella pratica, come possiamo intuire dal nome, si tratta di un negozio virtuale gestito da Facebook che ci permette di fare acquisti direttamente sulla piattaforma di Social Network.

“Uno dei tanti”, probabilmente mi dirai.

Ma non è proprio così.

La particolarità di Facebook Shops consiste nell’integrazione di un pubblico in-target, ovvero utenti già iscritti e profilati, con un sistema di aziende che fanno dei Social un sistema comunicativo ultra-intensivo.

Si sa che l’ossatura di qualsiasi Social è la comunicazione, ovvero la diffusione di contenuti mediante condivisione ed interazione tra utenti. Quello che una volta si faceva al bar, davanti ad una birra e una partita di calcio in TV, ora lo si fa davanti ad un monitor.

La particolarità di Facebook Shops consiste nell’integrazione di un pubblico in-target, ovvero utenti già iscritti e profilati, con un sistema di aziende che fanno dei Social un sistema comunicativo ultra-intensivo.

Allo stesso modo i negozi di Facebook permetteranno alle persone di analizzare e discutere degli articoli con i propri conoscenti, consentendo inoltre il checkout direttamente sul Social senza dover passare per il sito del venditore.

Da parte dell’azienda venditrice, inoltre, un ulteriore vantaggio consiste nella comodità di targetizzare il pubblico di Facebook rispetto a quello – ad esempio – di Google. Grazie alle Facebook ADS, infatti, sarà possibile individuare il giusto contatto a cui offrire un prodotto, senza scomodare altre piattaforme e dilapidare il budget su più fronti.

Ma che vantaggi ci sono per le attività locali?

Dato per assodato che per attività locali intendo i negozietti di città, i vantaggi sono molteplici, soprattutto per quanto riguarda visibilità e viralità.

Ma di questo ne parlerò approfonditamente tra qualche paragrafo...

Vediamo invece perché – potenzialmente – sviluppare uno Shop su Facebook equivale a creare un centro commerciale online.


Facebook + Shop = Centro commerciale virtuale

Immagina un posto del genere:

Cosa ti viene in mente quando pensi ad un centro commerciale?

  • Vetrine accattivanti e profumi che attraggono come una calamita;
  • Schiere di ragazzi(ni) che, ridendo e schiamazzando, entrano in qualsiasi negozio capiti a tiro;
  • Gente che si ferma alle zone test dei dispositivi di ultima generazione discutendo delle caratteristiche.

E via dicendo…

Ma dimmi una cosa.

Secondo te è possibile riprodurre virtualmente queste situazioni?

Partiamo dal principio: l’obiettivo di un centro commerciale è vendere. Ma si può vendere online? , quindi siamo a posto con i presupposti.

Come la mettiamo con la possibilità di mettere in evidenza i propri prodotti?

Attraverso le vetrine, ovvero sezioni dedicate in cui le aziende propongono ciò che vendono in modo chiaro e comprensibile.

Ah mi stai dicendo che Facebook ha già questa funzione da molto tempo? Fico, e siamo con due punti a favore!

APPROFONDISCI | Come far giudicare il tuo libro dalla copertina

Rimane il fatto che permettere agli utenti di discutere rigurdo un prodotto non è così semplice.

Cosa? Stai dicendo che le condivisioni e i commenti sono un pilastro di Facebook? Incredibile, ce le ha tutte!

Mettiamo insieme questi semplici pezzi, a cui possiamo benissimo affiancarne altri.

Ecco realizzato il nostro centro commerciale online!

Cosa manca?

  • Il parcheggio dove trovare posto è un’impresa;
  • I negozi che non si sa dove siano;
  • Le code chilometriche e le commesse insistenti;
  • Gli sconti (ah no, questi ci sono).

Sembra tutto troppo perfetto?

Beh non è tutto!

Vendere online, infatti, ha davvero molti vantaggi (sicuramente superiori agli svantaggi).


I vantaggi di vendere online

La lista dei motivi per cui è conveniente possedere un e-commerce la puoi trovare ovunque in rete, dato che le motivazioni sono sempre le stesse.

Ma perché online?

Spulciando sulla rete noterai un sacco di notizie per le quali molte aziende hanno chiuso i loro negozi fisici, preferendo il canale di vendita online. Non sto parlando di piccoli negozietti di quartiere, ma brand come Microsoft che chiuderà centinaia di punti vendita per buttarsi completamente sulla vendita in rete.

La parola d’ordine alla base di questa scelta è una sola: convenienza.

Il profitto di un negozio è determinato da un rapporto tra ricavi e costi, quindi converrai con me che tenere un negozio fisico ha potenzialmente più costi rispetto ad un sito web.

Affitto, stipendi dei commessi, logistica, riscaldamento e aria condizionata, tasse…

Sono solo alcuni esempi.

Ma quali sono sostanzialmente i vantaggi per cui affidarsi ad uno store online a discapito di un negozio fisico?

  • Minori costi di gestione dovuti ad una minore richiesta di risorse materiali;
  • Miglioramento del sistema di logistica, soprattutto se esiste un unico magazzino centrale;
  • Aumento della visibilità che passa dal cittadino che passeggia di fronte alla vetrina ad un qualsiasi potenziale individuo da qualche parte del mondo;
  • Migliore viralizzazione del contenuto grazie alle recensioni disponibili a tutti.

Certo non è tutto oro quello che luccica.

Pensa ad esempio ad un negozio di vestiti. Non sarebbe meglio poter provare la taglia prima di ordinare un capo?

Anche gli e-commerce presentano i chiari tratti distintivi del digitale rispetto al locale, ovvero minori costi ma anche minori comodità a cui siamo abituati.

Saresti disponibile a fare la spesa online invece che andare al supermercato? Voglio vedere la Coca Cola se non è stata scossa per bene quando ti arriva a casa!

Ma passiamo allo specifico, ovvero ai Facebook Shops.


I vantaggi di Facebook Shops

Ma perché i Facebook Shops dovrebbero essere più convenienti rispetto a diretti rivali come ad esempio Amazon?

Sarò onesto: vendere su Amazon probabilmente rimarrà sempre una fonte di sicurezza sia dal punto economico che da quello logistico. Non a caso, infatti, il core business di Amazon è proprio il commercio online.

Facebook ha però qualcosa che Amazon non ha: la community.

Continuo a nominare Amazon, ma se ci pensi quasi tutti gli e-commerce in circolazione non hanno una community attiva.

Ma cosa intendo per community?

Per community intendo una serie di persone, sotto forma di utente (o user), che interagiscono su una piattaforma discutendo di un argomento d’interesse comune.

Ad Amazon, ad esempio, manca una struttura del genere. Esistono sezioni di Q&A e di recensioni, ma niente di condivisivo ed interattivo come nel caso di un Social Network come Facebook.

LEGGI ANCHE | Come le recensioni influiscono sulla scelta di un cliente

Dall’altro lato – diciamocelo – Facebook è una piattaforma easy to use. Questo significa che pubblicare i propri prodotti è semplice e veloce, permettendo quindi di ampliare o ridurre il proprio catalogo a piacimento in tempi molto brevi.

Inoltre è possibile scegliere se procedere con il check-out direttamente su Facebook oppure se rimandare l’utente al tuo sito. Nel primo caso, però, la User Experience porta l’utente a sentirsi più “sicuro” per il fatto che non esce mai da Facebook.

Queste semplificazioni vanno a beneficio sia di chi vende che di chi compra. La funzione di intermediario offerta da Facebook semplifica non poco il rapporto tra le due parti, agevolando la conversione.

Facebook è quindi vantaggioso specialmente perché è un Social.


Hai un’attività locale? Questo strumento fa per te!

Ma torniamo per un momento al titolo dell’articolo…

Perché Facebook Shop fa per te se hai un’attività locale?

Uno degli svantaggi dei colossi dell’e-commerce massivo è che non si fanno particolari distinzioni né al tipo di fornitore né da dove provengono i beni.

Tradotto: se pensi di poter vendere i tuoi prodotti cosmetici su Amazon non pensare di non dover competere con aziende da tutto il mondo e che il cliente finale ti scelga solo perché sei il più vicino.

Questa lacuna la puoi però colmare con Facebook.

La motivazione è sempre la stessa: la condivisione.

  • Se ho tanti amici che abitano vicino a me e questi condividono prodotti di aziende che hanno la sede in zona ne vengo a conoscenza;
  • Se cerco la pagina Facebook di un’azienda che conosco e questa ha una vetrina prodotti posso acquistare direttamente da lì;
  • Quando scelgo di fare una sponsorizzata posso utilizzare come link un prodotto. Un utente che vede la pubblicità può quindi cliccarci sopra ed acquistare direttamente;
  • Se trovo un prodotto che mi piace lo posso mandare in chat ad un amico, ne possiamo discutere ed eventualmente comprarlo.

E questi sono solo alcuni casi tra tutti i possibili.

Se hai un’attività locale allora Facebook Shop fa per se:

  • Hai caricato i tuoi prodotti in vetrina in modo ordinato, permettendo ai tuoi clienti di trovarli;
  • La tua community è presente anche online sotto forma di follower;
  • Sei in grado di gestire al meglio le vendite facendo fronte ai punti di forza degli altri e-commerce quali tempo di consegna e prezzo.

Ci sono inoltre alcuni tip per vendere meglio online.

Vediamo insieme quali.


Tip per vendere meglio

Aprire un negozio online è sostanzialmente facile: puoi creare una sezione sul tuo sito web, affidarti a partner esterni oppure utilizzare integrazioni come i Facebook Shops di cui stiamo parlando.

Ci sono però alcuni trucchetti che valgono per tutte le piattaforme sopra citate:

  • Tempi di consegna. Secondo una ricerca di Netcomm la causa maggiore di abbandono del carrello è il costo di spedizione troppo alto (56%) seguito dai tempi di consegna troppo lunghi (39%). Ragionaci sopra e capisci come ottimizzare questi due fattori;
  • Prezzo psicologico. Scegliere il prezzo di un prodotto non è poi così banale. Identifica il costo e utilizza un prezzo psicologico, di cui ne ho parlato qui se ne vuoi sapere di più;
  • Copywriting. La descrizione del tuo articolo è molto importante perché è sostanzialmente il tuo motivo per cui un cliente dovrebbe comprarlo. Studialo bene, e se vuoi saperne di più sul copywriting ti basta cliccare qui;
  • Omaggi e promozioni. I nuovi clienti non arrivano da soli o cadono dagli alberi come la frutta. Omaggi e promozioni sono un ottimo modo per attrarre nuovi lead, ma per imparare a gestire al meglio queste forme promozionali e non perderci ti consiglio questo articolo;
  • Lifetime Value. Se ti fermi alla sola vendita secca non hai capito nulla di commercio: lo sapevi che un nuovo cliente costa 7 volte di più di uno già esistente? Lavora su un nuovo cliente per farlo comprare di nuovo, fidelizzalo e fagli incrementare la Lifetime Valute (non sai cos’è? Clicca qui!)

Di Davide

Patito di trattori e chitarre scrivo sul mio blog da quando mi sono laureato in Economia presso l'Università degli Studi di Verona. Tratto strategie di marketing, accrescimento personale e professionale per raggiungere gli obiettivi.